Giovedì

Corso intermedio e Corso Principianti

19.00 – 20.30

 


Condividi!

SPAZIO E CREATIVITÁ
20-12-2010

Il vuoto è uno spazio che si riempie con la creatività.
Il corpo è il luogo per interagire con il mondo e con gli altri perché è attraverso i sensi corporei che noi comunichiamo. Con essi ci mettiamo in rapporto con gli altri ed è sempre attraverso il corpo che percepiamo le cose.
L’interno e l’esterno del nostro corpo, se pur delimita il nostro io e lo divide dal resto del mondo, vive allo stesso tempo in un piano più importante ed essenziale. I sensi sono lo strumento di comunicazione che ci apre all’ambiente e agli altri: un mezzo privilegiato per entrare in comunicazione con alcune delle 10.000 cose.
Il corpo è luogo e mezzo per comunicare e comprendere il livello più ampio di consapevolezza: la coscienza cosmica.
La natura partecipatoria della percezione mette in luce la caratteristica basilare di quest’ultima: la sua reciprocità. Il Tuei Shou aiuta a prendere consapevolezza di questa funzione: toccare significa anche essere toccati. Così vale per altri sensi, infatti, vedere qualcuno e anche vedere che qualcuno è visto.
Ciò che ci permette di sperimentare le cose e gli altri (toccando, sentendo, vedendo, assaggiando… ) è il fatto di essere corpi e non quello di avere un corpo. Limitandoci all’aspetto percettivo-empatico proprio degli esseri umani consideriamo l’aspetto partecipatorio e quindi reciproco dell’esperienza che può derivare dalla pratica del Tuei Shou (gioco della dispersione delle mani). Un’azione contenuta nello spazio e nel tempo. Senza comunicazione e cooperazione tale pratica è inutile. Affinchè lo scambio di informazioni sia efficace il praticante deve innanzitutto affinare la sensibilità verso se stesso, verso la propria dimensione emozionale, psichica e corporea. Da questa sensibilità dipende la sua “presenza”.
Attraverso la presenza il praticante giunge all’esperienza totale del proprio essere e il rapporto con l’altro diviene il punto focale della pratica.
Il praticante evoca il vuoto, sempre nuovo, perché è il vuoto che permette un rapporto con il Tai Chi come con qualunque altra arte. Questo equivale ad ascoltare la forma attraverso la “presenza”.
Entrare quindi nella forma, diventare attivi in essa e vivere il suo pulsare con tutti i sensi o come disse qualcuno: abbandonare definitivamente il recinto dell’estetica.

 

M° Franco MESCOLA


Condividi!

Xuan-Chuan

Xuan-ChuanLezioni speciali a Spinea (Ve) e Melzo (Mi) e Roma dedicate allo studio della forma Sintesi del Tai Chi Chuan.

Gli iscritti ad un corso potranno frequentare gratuitamente quello nell’altra sede

Palestra scuola G. Ungaretti
Via Pisacane 16, Spinea VE
dalle 15,00 alle 18,00

Insegnanti Pierluigi Reveanne e Antonio Pugliese, mail: toniarts@libero.it cell.3287299958
Si prega di prenotare la partecipazione con un sms o via mail

Tutte le date di Spinea:
11/10/2014
31/01/2015
18/04/2015


Condividi!

18-10-2014 Ventaglio Doldi

18-10-2014 Ventaglio Doldi

Il Ventaglio del Tai Chi
col M° V. DOLDI
Spinea – Venezia
Centro CreArti
Via Crea 75/D, Spinea (VE)

Docente: M° Valter Doldi
dalle 15:00 alle 18:00

Per informazioni:
Maestro Doldi Valter
tel 335 7310216 – valtai@hotmail.it

Ass. Centro CreArti : info@centrocrearti.it
tel 347 0804000 – M° Giancarlo Ronchi

Tutte le date a Spinea:
18/10/2014
08/02/2015
16/05/2015

Tutte le date a Melzo:
23/11/201418-10-2014 Ventaglio Doldi
22/02/2015
10/05/2015

 


Condividi!

cid_9326085B-395D-4D5F-BE0A-3259E6E3EB18

cid_9326085B-395D-4D5F-BE0A-3259E6E3EB18

Il Centro

 

 


Condividi!

DSCN7633

DSCN7633

Il Centro

 

 


Condividi!

Il Centro

Il Centro

Il Centro

 

 

 


Condividi!

Percussionista, collabora con Raffaella Cipolato per alcune lezioni in cuidanza e percussioni siano in stretta sinergia.
In progetto anche lezioni di percussioni finalizzate alla creazione di un gruppo di donne danzatrici e musiciste.

 

 


Condividi!


loc-orient-19-20

Danza Orientale

Antica di millenni, modificata dai luoghi e dai territori durante il lungo viaggio dei nomadi dal nord dell’India alla Spagna, è sopravvissuta alla trasformazione da danza sacra a profana.
Dal tempio al ristorante, fino all’ incontro con il teatro, il suo fascino è rimasto intatto.
Come fu per il tango ed il flamenco, considerati un tempo danze volgari, l’inserimento della danza orientale nel teatro può essere determinante per darle dignità d’arte nel rispetto per le sue origini.
Oltre ai corsi l’associazione promuove spettacoli con la propria compagnia di danza IL FUTURO DELLE ORIGINI nell’intento di farne conoscere alcuni aspetti non snaturati.
Attualmente ne fanno parte Elisa Martin, Isabella Foffano, Irene Malvestio, Giorgia Masiero, Ottavia Negri, Elisa Bonivento.


Condividi!

Un luogo dove rallentare i ritmi quotidiani alla ricerca dell’equilibrio nella salute;
dove la ricerca del gesto possa diventare forma d’arte, espressione estetica, emozione.
Pratichiamo Danze Orientali, Tai Chi Chuan,  Metodo Biospirali, Yoga.
Progettiamo lezioni di approfondimento nelle discipline praticate;
per esplorare differenti campi di studio ospitiamo seminari con maestri di altre danze, di Craniosacrale Biodinamico, di medicina cinese, di meditazione.


Condividi!